Tre Cani Sciolti

Tre cani sciolti che fanno risorgere un uliveto abbandonato.
L’obiettivo è sviluppare la resilienza, adattarsi all’ambiente, anche con sacrificio, ma rispettandone le caratteristiche e in cambio ottenere prodotti sani e gustosi.
Il rapporto diretto con il consumatore finale permette anche la formazione etica di quest’ultimo che si rende conto delle difficoltà in cui si incorre nel praticare questo tipo di agricoltura ed è disposto a condividerne il peso economico.
La bellezza dei luoghi in cui questa avventura si dispiega ti ripaga delle fatiche e ti conferma che hai fatto la scelta giusta a non tradire la tua terra.

Tonio, Francesco e Giovanni, a Pietracatella in Molise, al confine con la Puglia, hanno recuperato degli ulivi e con molto lavoro hanno ridato vita a piante secolari ormai inselvatichite. Producono olio artigianale con una bassissima acidità, molato a freddo, in modo da conservare le sue proprietà organolettiche. Grazie ai Gas (gruppo di acquisto solidale) di Torino, città in cui Tonio ha vissuto per diversi anni, prima di tornare alla sua terra natia del Molise, riescono a diffondere i loro prodotti ed a instaurare un rapporto forte e sincero con il consumatore finale, cosa che il mercato odierno non permette di avere. Oltre all’olio, producono varietà di grani antichi (es. Senatore Cappelli) e cereali per la lavorazione. Non nascondono la fatica della terra, ma la loro scelta li spinge ad andare avanti e costruire una nuova economia.